Il nostro sito utilizza i cookies - alcuni sono essenziali al funzionamento del sito, altri ci aiutano a migliorare l'esperienza utente. Utilizzando questo sito, state consentendo l'uso di questi cookie. Per ottenere maggiori informazioni, vi preghiamo di leggere la nostra informativa sulla privacy.


Our site uses cookies – some are essential to make the site work; others help us improve the user experience. By using the site, you consent to the use of these cookies. To learn more about cookies, please read our privacy statement.

 

Il trekking naturista o naturgita (in inglese "naked hiking" e in francese "randonue") è una pratica che consiste nell'unire il trekking con il naturismo, approfittando della sensazione di libertà che dà il corpo privo di vestiti durante le passeggiate in piena natura.

I Naturisti sono quelle persone che hanno come comune filosofia l'accettare la nudità come una cosa buona e giusta, e non confondono in nessun modo il nudo con pratiche a sfondo sessuale o esibizionistiche

Qualunque naturista, prima o poi, presto o tardi, da un parente, da un amico o conoscente si è sentito porgere questa domanda: Perchè nudo? Quasi sempre non si ha la prontezza di rispondere razionalmente e compiutamente. Da qui l’esigenza di sintetizzare le ragioni che spingono un naturista a spogliarsi, almeno quelle più razionalmente spiegabili. Naturalmente ce ne sono altre, recondite o emotive che non si possono descrivere brevemente.

Il Naturismo non e' certo una idea nuova, ma e' vecchia di migliaia di anni. Gia' in culture totalmente diverse come quella Giapponese, quella Romana, quella Hawaiiana, e quella Greca la nudita' era largamente praticata. Con l'inquisizione chiaramente la nudita' venne considerata disdicevole. Purtroppo anche oggi il Nudismo stenta ad essere accettato a causa di antichi ed infondati pregiudizi.

Ad alcuni potrà sembrare incredibile, ma anche Galileo Galilei fu un antesignano del naturismo, come risulta chiaramente dal suo capitolo bernesco "Contro il portar la toga".

Intorno al 1590 il ventiseienne Galileo Galilei, professore di matematica presso l’università di Pisa, compone un gustoso poemetto di 300 versi, che circola manoscritto per il divertimento degli amici, ma che contribuisce di certo ad alienargli le simpatie dei sussiegosi e bigotti colleghi accademici. Si tratta del componimento Contro il portar la toga, scritto, in terzine di endecasillabi nello stile satirico del Berni, per contestare l’obbligo di recente imposto ai professori di indossare la veste anche al di fuori delle situazioni accademiche.

Iscriviti ad A.N.ITA